Associazione Istruzione Unita Scuola-Sindacato Autonomo

Via Olona n.19-20123 Milano Info+390239810868 o 3466872531


mercoledì 29 settembre 2010

Festa dei nonni venerdì 1 ottobre 2010 dalle 15 alle 17, al parco di Villa Gomes, a Maggianico.


Il 1° ottobre dalle 15 alle 17 al parco di Villa Gomes, a cura del Servizio Anziani.
Ingresso libero
Il Servizio Anziani del Comune di Lecco (Assessorato Politiche sociali), in collaborazione con l'Associazione Volontari Pensionati di Lecco, organizza la Festa dei nonni venerdì 1 ottobre 2010 dalle 15 alle 17, al parco di Villa Gomes, a Maggianico.

Il programma prevede la benedizione dei nonni e un momento di festa, in cui nonni e nipoti potranno trascorrere il pomeriggio insieme, allietati da canti e poesie dei bambini della scuola dell'infanzia “S. Giuseppe” di Maggianico e da giochi e racconti di una volta. Una merenda offerta a tutti concluderà il pomeriggio. L’iniziativa è a ingresso libero. Per informazioni: Servizio Anziani - via dell'Eremo 28 - Lecco tel. 0341 258465 (da lunedì a venerdì dalle 9 alle 11) In caso di maltempo, la festa si svolgerà all'oratorio di Maggianico (via Zelioli, 3).


» volantino (.pdf - 328 KB)


Fonte SITO WEB COMUNE DI LECCO

martedì 21 settembre 2010

Ambiente, Raimondi: lotta a smog parta dal basso

"La lotta all'inquinamento e la strada verso la sostenibilità devono essere un punto fermo di tutti i livelli di amministrazione e governo, partendo dal basso". Lo ha detto oggi l'assessore all'Ambiente della Regione Lombardia, Marcello Raimondi, intervenendo al 3° Seminario formativo del progetto CHAMP. Si tratta di un'iniziativa in partenariato con l'Associazione nazionale delle Agende 21 locali e altri soggetti europei: finlandesi, tedeschi e ungheresi. "Regione Lombardia - ha spiegato l'assessore Raimondi - cofinanzia e sostiene con decisione il progetto CHAMP, perché ci pare di poter dare un notevole aiuto agli Enti Locali che hanno sottoscritto il Patto dei sindaci e sono perciò impegnati nella definizione del proprio Piano clima. Grazie a questo impegno dunque si passerà da un sistema di gestione ambientale 'tradizionale' ad uno di tipo 'integrato', finalizzato cioè alla mitigazione e all'adattamento ai cambiamenti climatici". Rivolgendosi agli amministratori presenti al seminario, l'assessore ha sottolineato "l'importanza della condivisione con i cittadini delle regole che vengono introdotte"."Per quanto queste siano importanti - ha detto - e per quanto possano essere fatte in accordo con i vari livelli di governo del territorio, le regole sono inapplicabili se i cittadini non le condividono e non le fanno proprie". Gli obiettivi della parte italiana del progetto sono:- la realizzazione di un programma di formazione e affiancamento sulla gestione integrata per la sostenibilità; - la lotta al cambiamento climatico, fondata sul confronto e lo scambio con le buone pratiche realizzate in ambito europeo;- la creazione di una rete nazionale di formatori accreditati, in grado di applicare e divulgare i contenuti messi a punto nell'ambito del progetto;- lo sviluppo di casi studio: 10 autorità locali italiane coinvolte nel percorso formativo e almeno 5 supportate per mettere a punto l'applicazione di un sistema di gestione integrata per la sostenibilità e la lotta ai cambiamenti climatici;- la messa a punto e la standardizzazione di un Sistema di Gestione Integrata per la sostenibilità e la lotta al cambiamento climatico.
(Lombardia Notizie 21 settembre 2010 Ln - Milano)

venerdì 10 settembre 2010

SCUOLA AL VIA, IL SALUTO DEL PROVVEDITORE DI LECCO LUIGI ROFFIA



Insegnate loro, attraverso le discipline, l’amore, la stima, il
rispetto per la vita propria e degli altri, la solidarietà, il senso della
legalità, la pace
10 settembre 2010
“Ragazzi, una scuola migliore parte da voi!”
Nel messaggio d’inizio anno rivolto alla scuola lecchese, il dirigente dell’Ufficio XIV diLecco (l’ex Provveditorato agli Studi) dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
esorta gli studenti a dare il massimo nell’impegno per migliorare la scuola e crescere da cittadini responsabili;
invita i genitori a condividere con la scuola lo stile educativo; esorta docenti e dirigenti a fare leva sull’autonomia scolastica e a innovare lo stile didattico perrealizzare il cambiamento, concretizzando la riforma al via.
“ Ragazzi, una scuola migliore parte da voi! Impegnatevi e studiate in modo serio, siate protagonisti delle avventure del sapere e vedrete che la vostra scuola sarà migliore e più bella.
Coraggio, volate alto! Studiate e pretendete che i vostri insegnanti attualizzino e rendano più viva ogni materia.
Matematica, inglese, italiano, storia e così via: ogni disciplina di studio è interessante, affascina e appassiona.
Il futuro è nelle vostre mani e va costruito con impegno e responsabilità,
rifiutando la violenza e crescendo ogni giorno in educazione. Ragazzi: metteteci la vita!
Quest’anno poi parte la riforma ministeriale nelle classi prime delle scuole superiori.
Una riforma attesa da tanti anni e mai realizzata finora. State vivendo per questo una svolta epocale.
Cambia la“macchina”, ma la benzina la mettete voi, ricordatevelo, dando il massimo. La riforma è come un quadro il cui soggetto è stato disegnato dagli adulti della politica e del governo.
Voi siete i veri protagonisti di questo quadro, perciò vi esorto a completarlo, abbellirlo, migliorarlo.
Una scuola migliore parte solo da voi, con impegno e responsabilità. Sempre.
Esorto voi genitori a condividere con la scuola lo stile educativo e a fare crescere i vostri figli in valori e impegno. Motivateli a fare sempre meglio, sosteneteli nelle difficoltà, siate credibili e autorevoli, scegliete la strada del dialogo e del confronto.
Voi docenti amate i vostri studenti con i loro difetti, crisi, ansie, con la loro autenticità e gioia di vivere.
Insegnate loro, attraverso le discipline, l’amore, la stima, il rispetto per la vita propria e degli altri, la solidarietà, il senso della legalità, la pace.
Rendete attuale ogni materia di studio, perché il punto del cambiamento è educativo: metodo d’insegnamento scollato dalla pura lezione frontale, didattica laboratoriale, valutazione delle competenze, personalizzazione dei percorsi di studio.
A voi dirigenti scolastici raccomando di utilizzare l’autonomia scolastica, soprattutto in questo momento di riforma, per realizzare una scuola più moderna, referenziale, aperta al territorio ed alla valutazione nazionale. Scegliete sempre il dialogo fra comunità educativa e civile, potenziate le reti tra scuole per l’innovazione, sfruttate ogni risorsa didattica ed educativa per favorire nella scuola un clima di serenità, accoglienza di tutti, soprattutto i ragazzi in situazioni di disagio.
Premiate i ragazzi meritevoli e punite con rigore i ragazzi disimpegnati, puntando sul valore dell’esempio per promuovere partecipazione solidale, rispetto della persona, realizzazione del bene comune.
Rinnovo un affettuoso augurio di buon lavoro a studenti, genitori, insegnanti, personale amministrativo, tecnico e ausiliario, direttori dei servizi generali amministrativi, dirigenti scolastici e a tutto il mondo della scuola, e assicuro il mio personale impegno per affrontare insieme le sfide della scuola lecchese ”.
Luigi Roffia